• Dom. Ott 2nd, 2022

FLC

Pagellone finale FLC 5: i voti di tutti i piloti

DiMauro Tonizza

Lug 23, 2022

Eccoci qui al pagellone finale, di tutti i piloti! Andiamo con ordine dall’ultimo:

Mattia Pavone (VOTO 4)
Che dire di questo pilota? Affronta già il suo secondo campionato ma progressi non ne ha fatti. Sempre costantemente dietro al team mate e mai un piazzamento in zona punti. In qualifica sempre ultimo, mentre in gara ottiene come massima prestazione un penultimo posto, grazie al ritiro in Portogallo di Vezzoni e poi qualche GP dopo del suo mate. Speriamo in un maggior feeling nelle F1 2022.

Paolo Mustile (VOTO 4)
Ha fatto sempre meglio del mate Pavone, ma il voto non cambia, poiché tra la 15esima e la 16esima piazza non cambia nulla. Lui come migliore prestazione in qualifica ottiene un quattordicesimo posto ed in gara anche, ma sempre grazie a ritiri altrui. Vedremo come si comporterà con le vetture 2022.

Mario Vezzoni (VOTO 4+)
Il + è solo perché come migliore prestazione, sia in qualifica che in gara, ottiene un dodicesimo posto, vicino ai punti, ma per il resto opaco, molto. Ha fatto anche 2 errori pesanti, uno allo start dei semafori in Portogallo sul bagnato estremo, e l’altro nelle prove libere a Monza, all’Ascari. Bastonato totalmente dal compagno di team, che a differenza sua, è cresciuto notevolmente nel corso del campionato.

Stefano Zampieri (VOTO 5-)
Stefano ha fatto la prima gara davvero ottima, lasciando sperare fosse un candidato alla zona punti spesso, ma poi dalla seconda gara mai un punto, in qualifica oscilla tra la 12esima e la 13esima piazza, ed in gara mai al passo con quelli della top ten. Inoltre a Jeddah in gara sbatte e perde una probabilità di attaccare la top ten. Male, si spera meglio in F1 22.

Antonio Insigna (VOTO 5)
Probabilmente una delle più grandi delusioni del campionato. Da un pilota come lui, che ha sempre conquistato in media tra i 60 ed i 70 punti a campionato, l’ultimo comunque sui 40, conquistarne solo 16 non è buono. Battuto nel complesso dal mate, anche se di poco, unica prestazione degna di nota solo in 2 GP con un settimo posto, mentre in qualifica ottiene l’ottava come migliore prestazione assoluta. Vedremo in F1 22 cosa ci riserverà.

Samuele Calderone (VOTO 5)
Lo scorso campionato aveva sorpreso, specialmente alle prime gare, salvo poi calare nella seconda fase. Ci aspettavamo comunque un campionato migliore, almeno con 30-40 punti, invece a punti ci va solo 6 volte, con 2 buoni ottavi posti e 2 giri veloci in gara. In qualifica ottiene un grande sesto posto in Inghilterra, ma per il resto sempre ai margini della top ten, e spesso anche fuori da Essa. Rimandato a F1 22.

Marco Cassarino (VOTO 6+)
Campionato positivo. All’inizio, specie nella prima gara, fuori dalla top ten spesso e addirittura 12esimo e tredicesimo, ma dalla terza gara in poi inizia una bella striscia di piazzamenti in zona punti, mostrandosi più un pilota da gara, poichè in qualifica il massimo che ha ottenuto è un decimo posto, sempre fuori dalla top ten diciamo. Ad Abu Dhabi però fa un qualcosa di stupendo, partendo benissimo con Hard e mostrando un grandissimo passo, risultando pure determinante per un campionato. Ottimo debutto.

Dario Puglisi (VOTO 6)
In netta discesa rispetto all’ultimo campionato anche lui, ma è anche vero che comunque il 75% delle gare le termina sempre a punti, a Jeddah una bellissima qualifica, e comunque nono in classifica che è sempre a metà circa. Batte il compagno in qualifica e gara, anche se di poco, ma poteva e doveva fare meglio. Campionato mediocre ma ci aspettiamo un FLC 6 su F1 22 positivo.

Alessandro Bisegna (VOTO 7)
Campionato di debutto davvero buono per il pilota Aston Martin. Si perde leggermente a fine campionato, con qualche errore di troppo come il contatto con Calderone in Brasile e perdendo un bel settimo posto tranquillo con la penalità di 5 secondi inflittogli, più la sostituzione dell’ala. Per il resto bellissimo campionato, sempre costante, tra la P7 e P8 in qualifica, e anche in gara, a parte in Francia, dove arriva addirittura in sesta posizione in gara. Su F1 22 sarà pronto a lottare con Barbagallo?

Davide Barbagallo (VOTO 7+)
Il pilota Mclaren è in leggera decrescita, ma è stato costantissimo. 15 gare su 18 sempre tra la P7 e la P8, mentre solo in una non è andato a punti e in una sola è arrivato in P10. C’è però anche la bella P3 in USA, sia in gara che in qualifica, una pista dove ha sempre brillato ed ha anche vinto. Surclassato da Trinelli, a parte in Stati Uniti, ma però lotta duramente in pista. Unico neo la gara di Baku dove era P7 e si è schiantato ad inizio stint, peccato, errore grave. Stagione discreta.
Gaetano Monte (VOTO 7+)
Per i suoi standard a cui ci aveva abituato questo è il voto giusto. Permane la sua costanza, ma essere sempre più lontano dai primi 4, e inoltre essere battuto, seppur di poco, da Giovanni Filiberti, nuovo arrivato, non è positivo e non lascia ben sperare. Tuttavia c’è il bel terzo posto in qualifica di Baku e la P4 in gara a Baku. In Spagna poteva fare una clamorosa seconda fila in qualifica e sbaglia all’ultima curva, ritirandosi dalla sessione. Cosa clamorosa è che è il primo campionato in assoluto dove non vince una gara e non fa una pole, non ci se lo aspettava. Stagione discreta ma in lieve e costante calo.

Giovanni Filiberti (VOTO 8)
La sorpresa del campionato! L’unico GP non vinto dai top 4, che di solito era terra di Monte, lo vince lui invece. Giovanni Filiberti inizia bene con costanti P6, vicino a Monte. A poco a poco prende sempre più feeling ed esperienza, ed inizia a sopravanzare più spesso il pilota Red Bull 2. Sorprendente la P4 in gara in Francia, ma ancora di più la vittoria e la pole negli Stati Uniti. Arriva quinto nel campionato, confermandosi il primo degli altri, dato che i top 4 erano irraggiungibili. Promosso e grande futuro su F1 22?

Luca Gabbioni (VOTO 9+)
Il buon Luca per la prima volta in assoluto si mostra esattamente a pari livello del mate, ancor più di FLC 3 su F1 2020. Diventa il pilota più vincente del campionato, unico ad aver raggiunto quota 5, una in più del mate e degli altri 2 rivali. Ottiene 5 vittorie e 5 pole position, una sola pole in meno del mate Verdi. Vince a Monaco, sempre bellissimo. In gara sempre molto veloce a vettura scarica, facendo numerosi giri veloci. In difesa sempre molto strenuo, e ciò lo ha aiutato molto ad essere in lizza fino all’ultimo. Semi-campione e speriamo continui questo suo grande stato di forma anche in FLC 6 su F1 22.

Raffaele Ciavarella (VOTO 9.5)
Che dire? 4 vittorie e una sola pole, certo, ma il buon Raffaele ha fatto vedere quanto in qualifica non sia proprio al top, ma quanto lo sia in gara. Il GP d’Olanda ne è stata la prova palese. Partito terzo, ha sfoderato un grandissimo ritmo, superando Verdi in pista e poi prendendosi la posizione ai box su Trinelli, ma mostrando poi un passo superiore. In barhain ha fatto divertire con la super battaglia con Verdi. A jeddah ha fatto il vuoto, dominando completamente e ad Abu Dhabi non ha mollato mai, fino all’ultimo a tentare di vincere. Semi campione affamato che punta seriamente al primo titolo FLC.

Fabio Verdi (VOTO 10-)
L’inizio di campionato è stato eccellente, poi la seconda metà un poco meno, ma ha comunque ribadito di essere il più forte in qualifica, ottenendo 6 pole, contro le 5 di Trinelli e Gabbioni, e l’una sola di Ciavarella e Filiberti. In passo gara ha mostrato miglioramenti, ma non ancora a livelli stratosferici. Nei duelli ruota a ruota sorprende sempre, riuscendo a vincere spesso, ma ciò che gli è mancata è stata forse un poco di costanza, date le scarse prestazioni di Stati Uniti, Ungheria ma soprattutto di Francia, dove veramente ha sorpreso negativamente. Per il resto resta un campione, e avrebbe anche meritato il titolo, poiché lo ha perso senza demeriti, ma per merito di un avversario che ha fatto una grande gara in rimonta (Cassarino). Avrà la sua rivincita e sarà voglioso di riprendersi il trono, lo attendiamo che torni più forte.

Niccolò Trinelli (VOTO 10)
Stagione perfetta. Non è lode perché anche lui ha avuto qualche gara anonima, come Stati Uniti, ma per il resto sempre sul pezzo. 4 vittorie e ben 5 pole, in qualifica è molto migliorato, ormai quasi ai livelli di Verdi. In Ungheria e a Silverstone fa una gara incredibile, lasciando molto gap. Ad Imola da spettacolo con tanti sorpassi e controsorpassi con Verdi. Resta il migliore in generale sul passo, e ha anche una grande freddezza da campione, come dimostrato ad Abu Dhabi, dove quando all’ultimo giro ha visto Verdi muoversi verso sinistra per tentare il sorpasso disperato, si è messo subito in traiettoria interna all’istante prima della staccata per chiudere il sorpasso del rivale, manovra da antologia e fatta con grande lucidità. Campione! Non vediamo l’ora di vederlo difendere il trono su FLC 6 con F1 22.

Mauro Tonizza

Tutti gli eventi extra e dentro il campionato FLC per PC e piattaforma online Steam tra giocatori italiani di alto livello.

Rispondi